1961 - L'anno in cui vinse il fantasma di Coppi | hugMilano
878
post-template-default,single,single-post,postid-878,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

1961 – L’anno in cui vinse il fantasma di Coppi

1961 (l’anno in cui vinse il fantasma di Coppi) è una storia che viene raccontata in questo spettacolo, mix tra teatro e racconto.

 
Il monologo di Marco Ballestracci racconta l’avventuroso e ciclistico modo in cui il libro è scaturito e poi s’inoltra nei meandri più curiosi e discutibili del ciclismo italiano e internazionale degli anni ’50 e ’60.
 
Sul palco vengono rievocati oltrechè Pambianco, il protagonista del libro, anche Coppi e il suo fantasma e poi Nencini, Massignan e Baldini. Appaiono all’improvviso anche le strade che salgono lo Stelvio e il Gavia e, alla fine, pure gli sterrati del Tourmalet e dell’Aubisque durante il Tour del ’57.
 
Uno spettacolo per omaggiare l’ultimo grande anno dell’epoca d’oro del ciclismo italiano: il 1961.
 
Libro scritto ed interpretato da Marco Balestracci, edito da Ediciclo Editore
PRENOTAZIONE (consigliata) compilando il seguente form – https://docs.google.com/forms/d/1Eqethoy6ZijWkB4s4RmuVXGFlzafzVRBs0ykFGewNkk/
 
Lo spettacolo è gratuito per i possessori di hug Card
Se non hai ancora la tua tessera, puoi richiederla a questo link –> http://hugmilano.com/prodotto/hug-card/