Statuto hug | hugMilano
305
page-template-default,page,page-id-305,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Statuto hug

Art. 1
Costituzione – Denominazione – Sede

E’ costituita in data 30/05/2017 l’associazione di promozione sociale denominata “HUG Milano” ai
sensi della Legge 383/2000 e successive modifiche nonché nel rispetto degli art. 36 e seguenti del
Codice Civile.

L’associazione “HUG Milano”, pur mantenendo la propria autonomia patrimoniale ed
organizzativa, aderisce a FE.NA.LC – Associazione Nazionale Liberi Circoli, Ente Nazionale
Assistenziale riconosciuto dal Ministero dell’Interno ( DM 10.16769/12000- del 23/12/1984 e
10.17812/12000- del 12/01/1985), dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali e dal CIP –
Comitato Italiano Paralimpico, quale di Ente di Promozione Sportiva Paralimpica , Associazione di
Promozione Sociale ( iscritta dal 26/06/2002 al n° 21 del Registro della APS) e componente
Osservatorio Nazionale dell’Associazionismo, aderisce al Forum Permanente del Terzo Settore;
accettandone lo statuto e ne adotta la tessera nazionale quale tessera sociale.

L’associazione “HUG Milano” più avanti chiamata per brevità HUG, ha la propria sede legale in Via
G. e C. Venini 83 a Milano, non ha scopo di lucro e svolge attività di utilità sociale a favore degli
associati e di terzi.

Art. 2
Durata e Ambito

L’associazione HUG ha durata illimitata nel tempo e potrà essere sciolta solo con delibera
dell’assemblea straordinaria dei soci, come previsto dagli articoli 8 e 9 del presente statuto.

L’associazione può gestire strutture sociali e svolgere attività nei settori culturale, sportivo
dilettantistico, artistico, turistico, musicale, ambientale, editoriale, formativo, ricreativo e
assistenziale nelle specialità ad essa appartenenti in tutte le forme e manifestazioni, nel territorio
dello Stato Italiano ed a livello internazionale.

Art. 3
Finalità

L’associazione denominata HUG è disciplinata dal presente Statuto e persegue i seguenti scopi,
nel rispetto dei principi di eco-sostenibilità ed integrazione sociale:

  • occuparsi dello sviluppo e partecipazione della comunità sul territorio attraverso la
    promozione e la facilitazione delle iniziative volte all’integrazione delle diverse componenti
    del tessuto sociale: singoli cittadini, imprese, attività commerciali e realtà che operano
    nell’ambito della cooperazione sociale, anche mediante forme di assistenza contabile,
    amministrativa, fiscale e professionale;
  • essere punto di riferimento, luogo d’incontro e aggregazione, promuovere relazioni e legami
    sociali; sostenere la qualità della convivenza sociale attraverso eventi, itinerari, laboratori,
    corsi ed incontri tematici;
  • proporsi come luogo di incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali assolvendo
    alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l’ideale
    dell’educazione, della conoscenza, del mutuo soccorso e della coesione sociale;
  • valorizzare il capitale umano e le risorse del territorio attraverso la promozione dello
    sviluppo di progetti imprenditoriali dei singoli o di gruppi associati, ivi compresa l’attività di
    formazione ed affiancamento;
  • promuovere le relazioni con realtà locali affini per espandere le attività e lavorare in sinergia
    su progetti tematici;
  •  proporre e favorire iniziative volte a sviluppare servizi per lo sviluppo del turismo locale e
    iniziative culturali, valorizzando le strutture presenti sul territorio;
  • ospitare soci, viaggiatori e relatori con il fine di integrazione e diffusione culturale;
  • promuovere la cultura della bicicletta e la sua diffusione come mezzo di trasporto e viaggio,
    favorirne l’utilizzo mediante corsi, tour e laboratori;
  • divulgare il concetto di turismo sostenibile attraverso escursioni, tour, workshop;
  • creare e sostenere legami con istituzioni ed enti pubblici per ottimizzare le risorse e favorire
    lo sviluppo di aree degradate e potenzialità inespresse;
  • promuovere la comunicazione dei media classici e dei nuovi canali: radio, biblioteca, libreria,
    postazioni computer;
  • stimolare e sostenere le iniziative volte al miglioramento della vita quotidiana e del
    benessere psico-fisico, attraverso attività ludiche e culturali, promozione di eventi sportivi e
    della cura di sè, percorsi ciclistici, corsi e attività all’aperto;
  • far emergere e pubblicizzare le diverse forme d’arte e gli artisti presenti sul territorio
    attraverso l’organizzazione di mostre, eventi, seminari;
  • aiutare a rimuovere le barriere linguistiche e culturali favorendo l’integrazione tra persone di
    diversa nazionalità, età e formazione anche attraverso l’organizzazione di eventi culinari,
    musicali, letterari, cinematografici e corsi in lingua;
  • contribuire alla valorizzazione del territorio e all’uso degli spazi pubblici: organizzazione di
    giornate volte alla sensibilizzazione sulla raccolta differenziata e riduzione degli sprechi e il
    rispetto di zone verdi e marciapiedi, itinerari attraverso luoghi e monumenti funzionali alla
    vita comunitaria e del patrimonio architettonico;
  • diffondere la cultura del cibo, del vino, dei prodotti locali ed etici, delle discipline olistiche
    attraverso show-cooking, escursioni, lezioni e presentazioni;
  • diffondere la cultura sul territorio, sviluppo progetti territoriali, anche attraverso il sostegno
    promozionale ed organizzativo per eventi e manifestazioni di realtà terze affini al progetto.

L’associazione HUG potrà, poi, esclusivamente per scopo di autofinanziamento e senza fine di
lucro, esercitare le attività marginali previste dalla legislazione vigente. L’associazione HUG potrà
inoltre compiere qualsiasi operazione economica o finanziaria, mobiliare o immobiliare, per il
migliore raggiungimento dei propri fini.

Art. 4
Soci

Possono far parte dell’Associazione HUG tutti coloro che ne condividono gli scopi fissati dal
presente Statuto e vogliono dare il proprio contributo personale e/o finanziario al perseguimento
degli stessi.
Chiunque voglia aderire all’Associazione deve:

  • indicare nome e cognome, luogo e data di nascita, e residenza;
  • dichiarare di attenersi al presente Statuto ed alle deliberazioni degli organi sociali.
  • versare la quota annuale fissata a maggioranza dal Consiglio Direttivo

I soci si distinguono in:

  •  soci fondatori; che sono coloro che hanno partecipato alla costituzione dell’Associazione,
    membri di diritto del primo Consiglio Direttivo;
  • soci ordinari; che sono tutti coloro che aderiscono successivamente alla costituzione
    dell’Associazione;
  • soci sostenitori; a cui si riservano servizi prioritari a fronte della loro partecipazione di
    supporto all’attività dell’associazione.

L’ammissione dei soci onorari è deliberata, su domanda scritta di almeno tre soci, dal Consiglio
Direttivo. Contro il rifiuto di ammissione è ammesso appello, entro 30 giorni, al Consiglio Direttivo.

Art. 5
Diritti e Doveri dei Soci

Tutti i soci hanno diritto a:

  • frequentare i locali sociali, di servirsi degli impianti e dei servizi gestiti dall’Associazione.
  • prendere parte alle competizioni sportive promosse dall’Associazione e da altri Enti sotto i
    nostri colori sociali.
  • partecipare a qualsiasi manifestazione organizzata dall’Associazione;
  • intervenire e discutere alle assemblee generali; presentare proposte e/o reclami per scritto
    al Consiglio Direttivo;
  • partecipare con il proprio voto alla delibera dell’Assemblea, purché in regola con la qualifica
    di socio;
  • essere delegati ad assumere incarichi sociali se è rispettato il requisito di eleggibilità;
  • esercitare il diritto di voto per le modifiche e l’approvazione dello Statuto Sociale;
  • esercitare il diritto di voto per l’approvazione del rendiconto economico finanziario in base
    alla loro qualifica di socio;
  • prendere atto dell’ordine del giorno delle assemblee, prendere visione del rendiconto
    economico finanziario, consultare i verbali
  • essere rimborsati per le spese effettivamente sostenute per attività prestate, ai sensi di
    legge
  • essere rimborsati per prestazioni svolte, deliberate in sede opportuna, in misura adeguata
    al tempo impiegato nell’attività associazionistica

Tutti i soci hanno il dovere di:

  • rispettare il presente Statuto, l’eventuale regolamento interno e le delibere assunte dagli
    organi sociali nel rispetto delle disposizioni statutarie;
  • collaborare con gli organi sociali per la realizzazione delle finalità associative;
  • astenersi dall’intraprendere iniziative in contrasto con gli scopi dell’Associazione;
  • pagare la quota associativa con le modalità e nei termini fissati dal Consiglio Direttivo;
  • al puntuale pagamento della quota aggiuntiva per il pagamento di corrispettivi specifici.

Ogni socio deve versare la quota associativa stabilita dal Consiglio Direttivo di anno in anno entro
il termine fissato dal Consiglio stesso. La quota associativa non è rivalutabile, ma variabile e non è
trasmissibile neanche in caso di morte, e non verrà rimborsata né al socio dimissionario, né al
socio radiato.

Art 6
Perdita qualifica di socio

Il socio cessa di far parte dell’associazione:

  • per dimissioni;
  • per mancato rinnovo delle quote sociali e di iscrizione nei termini stabiliti dal Consiglio
    Direttivo;
  • per inosservanza del presente Statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli
    organi sociali;
  • per decisione del Consiglio Direttivo a causa di gravi inadempienze; quando, in qualunque
    modo, arrechi danni morali o materiali all’associazione o dimostri di non condividere più le
    finalità dell’associazione;
  • per radiazione;
  • per decesso.

In caso di trasgressioni alle norme sportive e sociali nonché alla disciplina tecnica il Consiglio
direttivo può infliggere al socio le seguenti sanzioni:

  • avvertimento;
  • ammonizione;
  • diffida;
  • sospensione a tempo limitato;
  • radiazione.

Art 7
Gli Organi sociali

Sono Organi dell’Associazione HUG:

  • l’Assemblea dei soci
  • il Consiglio Direttivo
  • il Presidente

Art 8
L’Assemblea

L’Assemblea è l’organo sovrano dell’Associazione HUG. Tutti i soci in regola con il pagamento
della quota associativa e i soci onorari hanno diritto di partecipare alle assemblee sia ordinarie sia
straordinarie. La partecipazione del socio all’Assemblea è strettamente personale ed ogni socio
ha diritto ad un voto; è ammessa la possibilità di delega scritta di un socio ad un altro socio, il
quale non può rappresentare più di due soci nell’ambito della stessa assemblea. L’Assemblea ha
tutti i poteri per conseguire gli scopi sociali.

L’Assemblea ordinaria, viene convocata almeno una volta all’anno entro quattro mesi dalla
chiusura dell’esercizio sociale ed ha i seguenti compiti:

  • Elegge il Consiglio Direttivo.
  • Approva il bilancio preventivo e quello consuntivo
  • Approva il regolamento interno e deliberare su tutte le questioni attinenti la gestione ed il
    programma della Associazione

L’Assemblea straordinaria delibera, con la presenza di almeno ¾ dei soci e il voto favorevole della
maggioranza dei presenti. L’Assemblea dovrà essere convocata entro 20 giorni dalla data in cui
viene richiesta. in ordine a:

  • Modifiche statutarie
  • Allo scioglimento dell’Associazione
  • Alla devoluzione del patrimonio che dovesse residuare conclusa la fase di liquidazione.

Art 9
Convocazione Assemblea

L’Assemblea è convocata, in via ordinaria, almeno una volta all’anno dal Presidente del Consiglio
Direttivo e, in via straordinaria, quando sia necessaria o a richiesta del Consiglio Direttivo o da
almeno un decimo dei soci. L’Assemblea, tanto ordinaria che straordinaria, è presieduta da un
Presidente e un Segretario nominati dall’Assemblea stessa; le deliberazioni adottate dovranno
essere riportate su apposito libro dei verbali.

L’Assemblea ordinaria è regolarmente costituita, in prima convocazione, con la presenza di metà
più uno degli aderenti.

Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità, gli
amministratori non hanno diritto di voto.

Le votazioni possono avvenire per alzata di mano, per acclamazione o a scrutinio segreto. Alla
votazione partecipano tutti i soci.

Le votazioni per le elezioni alle cariche sociali devono avvenire con votazione a scrutinio segreto

Qualora debbano essere affrontate specifiche problematiche, possono partecipare all’Assemblea,
senza diritto di voto, anche professionisti ed esperti esterni.

L’Assemblea straordinaria delibera, con la presenza di almeno ¾ dei soci e il voto favorevole della
maggioranza dei presenti in merito alle modifiche statutarie. Per deliberare lo scioglimento
dell’Associazione HUG e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno tre
quarti degli associati.

Art 10
Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è composto da 5 membri, eletti dall’Assemblea fra i propri componenti. Il
Consiglio Direttivo è validamente costituito quando sono presenti 3 membri. I membri del Consiglio
Direttivo svolgono la loro attività gratuitamente, durano in carica 3 anni e nominano, al suo interno,
il Presidente, il vice Presidente e il Segretario.

Il Consiglio Direttivo può essere revocato dall’Assemblea con la maggioranza dei 2/3 dei soci.
Il Consiglio Direttivo è organo esecutivo e dotato di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria
amministrazione che non spettino all’Assemblea e nei limiti di quanto annualmente stabilito dalla
stessa.

Il Consiglio Direttivo ha i seguenti compiti:

  • curare l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea
  • redigere i programmi delle attività sociali previste dallo Statuto sulla base delle linee
    approvate dall’Assemblea dei soci
  • redigere i bilanci da sottoporre all’Assemblea per l’approvazione
  • fissare la quota annuale di adesione all’Associazione
  • deliberare sulle nuove richieste di adesione
  • approvare tutti gli atti e contratti di ogni genere inerenti alla attività sociale
  • formulare il regolamento interno da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;
  • deliberare circa la sospensione e la radiazione dei soci;
  • nominare, in caso di necessità, commissioni provvisorie con compiti e poteri particolari;
  • favorire la partecipazione dei soci alle attività del circolo. Nell’esercizio delle sue funzioni il
    Consiglio Direttivo può avvalersi di responsabili di commissioni di lavoro da esso nominati.
    Detti responsabili possono partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo con voto
    consultivo

Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente, in caso di sua assenza, dal Vice Presidente e, in
caso di assenza di entrambi, dal Consigliere più anziano.
In caso venga a mancare in modo irreversibile uno o più consiglieri, il Consiglio Direttivo provvede
alla surroga attingendo alla graduatoria dei primi dei non eletti. Allorché questa fosse esaurita,
indice elezioni suppletive per i membri da sostituire

Art 11
Il Presidente

Il Presidente è il legale rappresentante dell’Associazione ed ha l’uso della firma sociale. Dura in
carica quanto il Consiglio Direttivo. E’ autorizzato a riscuotere pagamenti di ogni natura e a
qualsiasi titolo e a rilasciarne quietanza.

Ha facoltà di nominare avvocati e procuratori nelle liti riguardanti l’Associazione davanti a qualsiasi
autorità giudiziaria e amministrativa in qualsiasi grado e giudizio.

Può delegare parte dei suoi poteri ad altri consiglieri o soci con procura generale o speciale. In
caso di assenza o impedimento le sue mansioni sono esercitate dal Vice Presidente vicario.

In casi di oggettiva necessità può adottare provvedimenti d’urgenza sottoponendoli alla ratifica del
Consiglio Direttivo. Qualora il Consiglio Direttivo, per fondati motivi, non ratifichi tali provvedimenti,
degli stessi risponde personalmente il Presidente.

Art 12
Il Tesoriere

Il Tesoriere è il responsabile della gestione amministrativa e finanziaria dell’Associazione HUG
inerente l’esercizio finanziario e la tenuta dei libri contabili. Cura la redazione dei bilanci consuntivo
e preventivo sulla base delle determinazioni assunte dal Consiglio.

Stanti i compiti affidati al Tesoriere è conferito potere di operare con banche e uffici postali, ivi
compresa la facoltà di aprire o estinguere conti correnti, firmare assegni di traenza, effettuare
prelievi, girare assegni per l’incasso e comunque eseguire ogni e qualsiasi operazione inerenti le
mansioni affidategli dagli organi statutari. Ha firma libera e disgiunta dal Presidente del Consiglio
per importi il cui limite massimo viene definito dal Consiglio Direttivo.

Art 13
Il Segretario

Il Segretario è il responsabile della redazione dei verbali delle sedute di Consiglio e di Assemblea
che trascrive sugli appositi libri affidati alla sua custodia unitamente al libro soci.

Art 14
Patrimonio, esercizio sociale e bilancio

L’esercizio sociale decorre dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

Entro il 30 aprile di ogni anno il Consiglio, unitamente alla relazione scritta del Collegio dei Revisori
presenta per l’approvazione all’Assemblea ordinaria: la relazione morale; il rendiconto economico
e finanziario dell’esercizio trascorso o il bilancio, dal quale dovranno risultare i beni, i contributi o i
lasciti ricevuti; nonché il bilancio preventivo per l’anno in corso.

Le entrate dell’Associazione sono costituite da:

A. quote associative e contributi di simpatizzanti;
B. dai corrispettivi specifici versati dai soci per le attività sociali;
C. contributi di privati, dello Stato, di Enti, di Organismi internazionali, di Istituzioni pubbliche
finalizzati al sostegno di specifiche e documentate attività o progetti;
D. donazioni e lasciti testamentari;
E. entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
F. dall’utile derivante dalle attività e manifestazioni eventualmente organizzate o alle quali essa
partecipa
G. dagli introiti derivanti dalla gestione di bar e spacci interni gestiti direttamente dai soci, dalla
vendita ai soci di beni, nonché da eventuali sponsorizzazioni e pubblicità o altra attività di
carattere commerciale che l’associazione pone in essere al fine di autofinanziamento;
H. proventi della cessione di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento
di attività economiche di natura commerciale svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e
comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
I. entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento;
J. ogni altra entrata compatibile con le finalità dell’associazionismo.

Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito da:

A. beni immobili e mobili di proprietà dell’associazione;
B. contributi, erogazioni, donazioni e lasciti diversi effettuati da soci, da privati o da Enti;
C. eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio.
D. altri accantonamenti e disponibilità patrimoniali.
Il patrimonio sociale deve essere utilizzato, secondo le leggi vigenti, nel modo più opportuno per il
conseguimento delle finalità dell’Associazione.

Le quote sociali sono intrasferibili. In caso di dimissioni, esclusione o morte di un socio, la sua
quota sociale rimane di proprietà dell’Associazione.

All’associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, i proventi delle attività, utili o avanzi
di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione stessa, salvo che la
destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art 15
Scioglimento dell’Associazione e devoluzione dei beni

Lo scioglimento dell’Associazione HUG viene deciso dall’Assemblea che si riunisce in forma
straordinaria ai sensi degli articoli 8 e 9 del presente statuto.

In caso di scioglimento dell’Associazione, l’eventuale patrimonio residuo dovrà essere devoluto ad
altra associazione avente analoghe finalità, oppure a fini di utilità sociale, come previsto dalla
legge 383/2000.

Art 16
Disposizioni finali

Tutte le eventuali controversie sociali, anche relative all’interpretazione dello Statuto, tra gli
associati, tra questi e l’associazione o i suoi organi, tra gli organi e l’associazione, tra i componenti
degli organi dell’associazione sono devolute, con esclusione di qualsiasi altra giurisdizione, alla
competenza di tre probiviri da designarsi tra i soci con le seguenti modalità.

Due probiviri saranno nominati rispettivamente da ciascuna parte controvertente; il terzo sarà
eletto dall’assemblea straordinaria all’uopo convocata su richiesta dei due probiviri nominati dalle
parti entro 30 giorni dalla nomina.

Per quanto non compreso nel presente Statuto decide l’Assemblea a maggioranza assoluta dei
partecipanti. Particolari norme di funzionamento e di esecuzione del presente statuto potranno
essere eventualmente disposte con regolamento interno adottato dal consiglio direttivo.

Il presente Statuto deve essere osservato come atto fondamentale dell’Associazione. Per quanto
non vi viene espressamente previsto si fa riferimento alle vigenti disposizioni legislative in materia.